Cardamomo verde, nero e di Ceylon: uso e proprietà della spezia digestiva

Cardamomo Verde Nero Ceylon Uso Proprieta Digestiva

Il cardamomo è una delle spezie più particolari nelle quali potrete incappare in cucina, per il suo aspetto particolare e il suo aroma intensissimo. Al primo impatto il suo sapore può spaventare per quanto è concentrato ma, se dosato e usato con sapienza, si adatta a tantissime ricette dai toni delicati, salate ma soprattutto dolci.

Come si presenta il cardamomo

La spezia si presenta come un bacello fibroso contentente diversi semi che viene raccolto dall’Elettaria Cardamomum (o altre varietà simili), pianta tropicale appartenente alla famiglia delle Zingiberaceae (la stessa di curcuma e zenzero).
Questa specie è originaria dell’India, di alcune parti dei balcani orientali, della Malesia, dello Sri Lanka ma viene anche coltivata abbondantemente in alcuni paesi del Centro – Sud America.

I baccelli dalla forma ovale che identifichiamo come cardamomo sono i frutti essiccati della pianta e la parte più aromatica sono i semi interni. Il bacello esterno è commestibile ma ha poco sapore e può essere verde chiaro, verde scuro o marrone a seconda della tipologia; inoltre generalmente è lungo circa 1 cm ma, nel caso di alcune speciali tipologie, può essere anche grande il doppio.
Il frutto viene essiccato e poi messo in commercio sotto forma di bacelli ripieni di semi, polvere di semi oppure olio concentrato. Il sapore è molto forte, ad esempio bastano 5 o 6 piccoli semi in infusione per aromatizzare con successo una bevanda, ancora meno se polverizzati.

Proprietà del Cardamomo

L’arrivo del cardamomo in Europa risale ai tempi degli antichi greci e romani, che lo utilizzavano soprattutto per la creazione di profumi, oli per il corpo e aromi per l’ambiente a causa della suo odore gradevole, tanto che veniva considerato addirittura afrodisiaco.
Le sue doti sono state molto approfondite dalla medicina cinese tradizionale e da quella ayurvedica, che lo ritiene addirittura medicamentoso. Il campo di utilizzo di questa spezia è principalmente quello digestivo: infatti ha un ottimo effetto stimolante per la digestione e antibatterico per il riequilibrio del contenuto gastrico (viene anche usato per le infezioni intestinali che causano dolori e dissenteria). Quando utilizzato in quantitativi maggiori (sotto forma di olio essenziale, tinture o altri concentrati) può essere un efficace stimolante per la la secrezione di bile (e stimolare quindi ancora di più la digestione).
In India tradizionalmente vengono serviti a fine pasto semi di cardamomo insieme ad anice e zucchero per digerire meglio e profumare l’alito. Usato come di tisana è un ottimo decongestionante in caso di raffreddore e tosse. Oltre a questi impieghi è usato in molte medicine tradizionali dei paesi d’origine della pianta per curare flatulenza, nausea, inappetenza e dolori di stomaco in generale. La medicina ayurvedica lo indica come ottimo disinfettante per le vie urinarie ma anche come alleato delle diete (viene considerato un brucia grassi eccellente!).
Insomma… le sue proprietà sono davvero tantissime secondo le medicine antiche anche se tra le spezie con proprietà curative la sua efficacia è stata ancora poco studiata dalla scienza moderna. È importante sapere che la sua controindicazione principale (e al momento anche l’unica degna di nota) è che non va usato in caso di presenza di calcoli alla colecisti perchè potrebbe aggravare la situazione.

Prodotti a base di Cardamomo

Acquistare un ottimo cardamomo non è difficile, online troverete moltissime aziende serie e interessanti che commerciano con attenzione questa spezia e offrono ottimi prezzi di vendita. Abbiamo selezionato i migliori per voi.

Bacelli di Cardamomo Verde interi Vahdam

Cardamomo Verde Nero Ceylon Uso Proprieta Digestiva

L’azienda Vadham propone bacelli di cardamomo provenienti dalle migliori piantagioni nel sud dell’India, ne basta una dose piccolissima per assicurarsi un aroma intenso ma elegante.
Vahdam si rifornisce di spezie freschissime direttamente dalla fonte, garantendo ai propri consumatori un prodotto di altissima qualità ed è anche una realtà altamente etica impegnata a tutelare i propri lavoratori tanto che tradizionalmente l’1% delle entrate totali dell’azienda viene reindirizzato all’educazione dei figli dei coltivatori locali.

Cardamomo Macinato Banyan Tree Foods

Cardamomo Verde Nero Ceylon Uso Proprieta Digestiva

Se cercate un cardamomo verde di buona qualità, macinato ma non troppo costoso consigliamo quello di Bayan Tree Foods, che propone pratiche confezioni da 100 gr di polvere liscia e omogenea
L‘azienda nasce come collettivo di appassionati di spezie che si impegna a fornire ai consumatori europei prodotti di buona qualità prodotti in varie parti dell’Asia. Consigliamo spesso i loro mix di spezie e gli ingredienti base perchè troviamo che abbiano un buon rapporto qualità prezzo e siano altamente affidabili. Attenzione con il cardamomo in polvere perchè deve essere conservato ben sigillato e lontano da fonti di luce o calore oppure l’aroma ne risentirà moltissimo con il tempo.

Cardamomo nero intero Banyan Tree Foods

Cardamomo Verde Nero Ceylon Uso Proprieta Digestiva

Se volete utilizzare il cardamomo nero nelle vostre ricette allora consigliamo di provare quello di Banyan Tree Foods, che viene coltivato alle pendici dell’Himalaya ed è davvero conveniente e di ottima qualità. Anche solo guardandolo noterete che i bacelli sono perfetti all’occhio, integri e non troppo secchi… immaginate il sapore!

Olio essenziale di Cardamomo Gya Labs

Cardamomo Verde Nero Ceylon Uso Proprieta Digestiva

Un olio concentrato dall’elevato contenuto di cardamomo per un olio essenziale eccellente perfetto per massaggi e aroma terapia. Viene estratto da cardamomo verde coltivato nel sud dell’India e lavorato con tecniche sicure, pensate per preservare l’aromaticità dei semi. Attenzione perchè il prodotto è solo per uso esterno, quindi non adatto per essere ingerito.

Uso in cucina del cardamomo

Stiamo parlando di una spezia assolutamente versatile in cucina che ha davvero conquistato il mondo. Non solo è usato in larga parte dell’Asia e in Centro – Sud America, ma anche in moltissimi paesi arabi e del Medio Oriente. Nelle marinature o nei sughi è in grado di dare uno sprint notevole alle carni e agli arrosti, ma senza ombra di dubbio è nelle bevande e nelle pietanze dolci che il cardamomo (specialmente quello verde) dà il suo meglio.
Indispensabile ingrediente del masala chai, aggiunge alle bevande dolci a base di latte un tocco esotico e complesso grazie alle note balsamiche particolari, polverizzato e usato sulla crema dolce poi assicura raffinatezza ed eleganza al vostro dolce. Se volete donare un sapore inusuale al vostro caffè vi consigliamo di agginungere un bacello di cardamomo all’acqua della moka e avrete un assaggio molto simile a quello del famoso caffè arabo qahwa, capace di rinvigorire e rinfrescare anche dopo il pasto più pesante. In Italia, come nel Nord Europa e in alcune parti dei balcani viene usato soprattutto per la creazione di amari e liquori alle erbe.

In linea di massima vi consigliamo di usare sempre quello verde o altre varianti pregiate nella creazione dei dolci mentre per le lunghe cotture stufate o le marinature potete anche preferirvi versioni più economiche.

Tipologie di cardamomo

Abbiamo detto che esistono diverse varianti di cardamomo. In particolare in commercio si trovano quello verde (detto anche vero cardamomo), quello nero (conosciuto come nepalese) e quello di Ceylon. Quello verde è probabilmente il più diffuso (proviene appunto dalla pianta Elettaria Cardamomum) e viene coltivato e raccolto soprattutto in India (specie nella zona di Malabar) e Malesia. È considerata una spezia altamente qualitativa per le sua delicatezza aromatica e il suo sentore leggermente balsamico rispetto alle altre varianti, inoltre è più piccolo e ha un bel tono verde pastello per il bacello mentre i semi sono molto scuri.
Il Cardamomo di Ceylon è molto diffuso, ovviamente in Sri Lanka, ha dimensioni maggiori e spesso è scuro, il suo sapore è molto forte e meno raffinato di quello verde e viene considerato una variante economica della spezia. Quello nero viene invece dalla pianta Amomum subulatum e si trova in commercio soprattutto in Nepal, nel Sikkim (India) e viene largamente usato in Cina, ha un sapore più affumicato e si presta più alle ricette salate che a quelle dolci. Ne esistono molte altre varianti, ma queste sono quelle principali e anche le più facili da reperire.