Sale Rosa di roccia dell’Himalaya: proprietà, utilizzo e migliori prodotti

Sale-Rosa-Roccia-Himalaya-Proprieta-Utilizzo-Migliori-Prodotti

Il Sale Rosa dell’Himalaya è stato uno dei primi sali di tipo particolare e pregiato che è diventato famoso in tutto il mondo. Questo prodotto ha ottenuto molta popolarità perché considerato da molti il sale più puro al mondo ma la leggenda che lo circonda non è tutta rose e fiori. Vediamo insieme le caratteristiche del Sale Himalayano dal colore rosa e se è effettivamente una materia prima superiore.

Un sale particolarmente puro dal cuore della montagna

Questo tipo di salgemma (o sale di roccia) viene estratto solamente dalle miniere nella zona di Khewra in Pakistan, che sono considerate le più grandi miniere di sale del mondo. I cristalli naturali salini hanno un colore rosato aranciato particolarissimo, dovuto a un alto contenuto di ossido di ferro. Il sale marino con il quale viene generalmente fatto il comune sale da cucina, secondo diversi esperti e alimentaristi, ha perso molte delle sue qualità in seguito all’inquinamento dei mari e al progressivo processo di industrializzazione (che lo ha ripulito di minerali e oligoelementi essenziali riducendolo cloruro di sodio). Il sale di miniera invece, essendo già disponibile in natura, viene considerato di grande purezza perché per ottenere la forma finale non sono necessarie lavorazioni di tipo chimico o raffinazioni. In teoria il sale Himalayano viene raccolto a mano, lavato in acqua e poi macinato a pietra e questo dovrebbe consentire al prodotto di rimanere integro e conservare oligoelementi e minerali che lo caratterizzano.

Proprietà del Sale Rosa Himalayano

Un’analisi svolta nel 2003 dall’Ufficio di Stato Bavarese su 15 campioni di sale dell’Himalaya venduti in Germania ha rilevato la presenza di molti minerali: in ogni campione almeno 10 tra i quali anche magnesio, zolfo, cloro, potassio e calcio oltre a iodio e sodio. Il cloruro di sodio è la componente base di questo sale solitamente presente al 95% – 98% sul totale, un valore generalmente più basso di quello del comune sale da cucina. L’ossido di ferro è responsabile del colore particolare che varia dal rosa pallido al rosso scuro o arancio. A livello calorico il sale rosa non apporta nulla, ma questa è una condizione comune a tutti i sali.

I migliori prodotti a base di Sale Rosa dell’Himalaya

Abbiamo raccolto e provato per voi i migliori prodotti a base di questo sale particolare che potrete acquistare sul web. Sia che cerchiate un puro sale di miniera per cucinare, sia che ne vogliate fare un complemento per la vostre cure di bellezza o che ne vogliate sfruttare la luce curativa, troverete ottimi prodotti acquistando online.

I migliori Sali Rosa da cucina dell’Himalaya

Sale-Rosa-Roccia-Himalaya-Proprieta-Utilizzo-Migliori-Prodotti

Se siete in cerca di un ottimo sale himalayano da usare in cucina vi consigliamo quello di NortemBio. Questa è la versione di tipo grosso ma è disponibile anche il formato fine o extra-fine per soddisfare i gusti di ogni cliente. Il prodotto assicura un elevato livello di purezza, viene estratto appositamente per NortemBio dalle aree circostanti la Catena Montuosa dell’Himalaya con tecniche atte a preservare le qualità innate di questo sale nato da un isolamento millenario. Dunque niente additivi o antiagglomeranti, inoltre la confezione del sale è in polietilene alimentare di alta qualità, una sostanza che mantiene le proprietà organolettiche del prodotto ed è realizzata in polietilene 100% riciclabile e riutilizzabile, priva di BPA (Bisfenolo A, una sostanza chimica dannosa per la salute e per l’ambiente).

Il migliore Sale Rosa dell’Himalaya per bagni e scrub

Sale-Rosa-Roccia-Himalaya-Proprieta-Utilizzo-Migliori-Prodotti

Un altro prodotto interessante è quello distribuito da Finestra sul Cielo il noto brand che si occupa soprattutto di alimenti ecologici e biologici. La confezione da un chilo di sale himalayano ha un prezzo molto conveniente, la consigliamo soprattutto per creare scrub, peeling e bagni salini perché questo formato in grani molto grossi non è molto comodo in cucina mentre è perfetto per la cura del corpo (soprattutto per lo scrub visto che non si dissolve facilmente).

Lampada di Sale Rosa Himalayano

Sale-Rosa-Roccia-Himalaya-Proprieta-Utilizzo-Migliori-Prodotti

Volete provare l’energia antica e pura che trasmette, secondo molti appassionati, il Sale Himalayano? Noi consigliamo la lampada in salgemma The Body Source intagliata a mano con autentico sale dell’Himalaya estratto nelle miniere del Pakistan. Ogni lampada ha una forma unica e irripetibile, pesa tra i 5 e i 7 kg di peso ed è dotata di un interruttore che permette di regolare l’intensità della luce. L’oggetto arriva completamente assemblato e confezionato in una bella confezione con tutte le spiegazioni per l’utilizzo e anche con una lampadina di ricambio da 15 watt.

Ma quindi il sale rosa dell’Himalaya fa bene alla salute?

In generale il sale è un alimento necessario alla vita dell’uomo, non è possibile eliminarlo completamente dalla propria dieta (si trova naturalmente in molti alimenti) e anche quando ci si riferisce ad una dieta iposodica si parla di bassi contenuti di sale non di evitarlo completamente. Il sale è necessario per garantire la sopravvivenza cellulare e anche la trasmissione degli stimoli elettrici in tutto il corpo. In questo il sale rosa dell’Himalaya fa un buon lavoro, inoltre essendo particolarmente puro non aggiunge additivi come sbiancanti e agenti antiagglomeranti (sostanze chimiche tossiche molto usate in molti processi di raffinazione) alla nostra dieta. Anche gli altri minerali presenti in questo prodotto hanno compiti importanti e contribuiscono a regolare i liquidi corporei, fortificare le ossa, depurare gli organi, favorire l’attività muscolare (ridurre i crampi) e tanto altro. In generale è un’ottima fonte di cloruro di sodio e iodio con l’aggiunta appunto di altri minerali utili.

Oltre a questi benefici facilmente intuibili leggendo la composizione del sale sono state ipotizzate anche doti di potente disintossicante da metalli pesanti, che però non sono state validate da alcuno studio scientifico di rilievo. Senza dubbio questo prodotto è diventato famoso per la sua purezza, ricchezza di minerali ma anche perché il suo aspetto naturalmente gradevole e la provenienza isolata ci fanno pensare a qualcosa di mistico, energizzante e strettamente connesso con la natura.

Sale dell’Himalaya per la cura del corpo e bellezza

Come altri sali di pregio il Sale Rosa dell’Himalaya viene anche molto usato nella cosmesi e nella cura del corpo. Il sale grosso più puro è molto utile per produrre degli scrub per la rimozione delle cellule morte dalla pelle attraverso una pratica (che viene definita anche peeling) che consiste nello strofinare la cute con granuli di tipo ruvido. Questo tipo di trattamento eseguito con il sale dell’Himalaya sembra essere anche un valido aiuto alla lotta alla cellulite e in generale può aiutare a stimolare la circolazione (grazie all’abbinamento di un prodotto salino con il massaggio). Altra pratica nella quale è usato questo sale è quella dei bagni caldi ad alta salinità, considerati riequilibranti per l’organismo, depuranti e utili per la circolazione. In commercio e nei centri terapeutici/estetici specializzati è possibile trovarlo anche in abbinamento a fanghi per trattamenti anticellulite e migliorativi del tono della pelle.

Controindicazioni del Sale Rosa dell’Himalaya come alimento

Un sale Himalayano puro e autentico non ha controindicazioni particolari. Ovviamente è importante sapere che va assunto con parsimonia, infatti (secondo le indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità) non bisogna assumere più di 4 grammi di sodio al giorno per restare in salute. Un apporto esagerato di sale infatti può portare ad un pericoloso aumento della pressione sanguigna, problemi cardio circolatori e di ritenzione dei liquidi ma anche danni renali e osteoporosi. Certo il sale rosa contiene generalmente meno sodio e altre sostanze benefiche ma questo non autorizza il consumatore coscienzioso ad eccedere con il dosaggio, soprattutto se si soffre di pressione alta e osteoporosi o si ha familiarità per queste patologie.

Uso dei cristalli energetici di Sale Himalayano e Speleoterapia

Molti appassionati di medicina alternativa hanno ipotizzato che i grandi cristalli naturali di sale himalayano possano avere proprietà fortemente energizzanti e riequilibranti. Non esistono studi scientifici in proposito ma secondo queste credenze molto diffuse intrappolata nei cristalli è possibile trovare l’energia luminosa solare di più di 250 milioni di anni fa, nel momento in cui il cristallo è stato generato. Questo renderebbe i bellissimi cristalli salini rosa una sorta di potente ricarica energetica, uno stimolo positivo utile da avere nelle case e nei luoghi che si frequentano di più. Molto spesso questi cristalli vengono utilizzati per creare bellissime lampade per sfruttare ancora di più la luce antica.

Un’altra tesi con basi scientifiche molto più solide è quella della speleoterapia, che sfrutta l’aria impregnata di particelle di sale all’interno delle grotte saline per facilitare le cure a pazienti affetti da problemi respiratori e polmonari. È uno dei trattamenti più comuni per la riduzione dei sintomi dell’asma e le affezioni bronchiali ricorrenti, specialmente per i bambini. Molte di queste grotte vengono costruite con cristalli di sale himalayano proprio perché questo tipo di sale risulta essere più puro della media dei sali di miniera e anche ricco di altri minerali e oligominerali utili per l’organismo.

Risvolti negativi del commercio di sale dall’Himalaya

Abbiamo visto che in generale questo è davvero un buon prodotto ma purtroppo vogliamo aggiungere una postilla che a nostro parere lo rende meno etico di altre tipologie di sale. Come dice il nome stesso il Sale Rosa dell’Himalaya che consumiamo in Italia non può essere un prodotto a chilometro zero. Quello che non sappiamo è che la sua estrazione manuale tanto celebrata come naturale è causa di sfruttamento di tantissime persone (soprattutto donne molto povere) che in Pakistan lavorano alle miniere vicino e nelle montagne himalayane. Secondo molti report i lavoratori che si occupano di estrarre, trasportare e trattare questo sale sarebbero sottopagati, costretti a fatiche fisiche molto difficili da sopportare, viaggi a piedi di chilometri e chilometri per mancanza di trasporti organizzati. Oltre a condizioni di lavoro umanamente inaccettabili è importante sottolineare che è stato documentato nel tempo anche lo sfruttamento di lavoratori bambini in moltissime miniere. Inoltre la grande richiesta del prodotto e l’aumento delle estrazioni starebbe minacciando il patrimonio montuoso himalayano mentre contemporaneamente sempre più spesso stanno comparendo in commercio sali himalayani contraffatti di bassissima qualità e contaminati da sostanze potenzialmente tossiche.

Come e dove acquistare il Sale Rosa Dell’Himalaya

Per evitare di comprare un sale himalayano non originale e magari anche inquinato da sostanze chimiche è molto importante scegliere attentamente l’azienda produttrice e accertarsi che gli standard di controllo applicati al prodotto siano elevati. È possibile acquistare il Sale Rosa dell’Himalaya in vari formati. Per la cucina si trova sotto forma di cristalli grossi (come il sale grosso alimentare) e in cristalli piccoli (come il sale fino). Inoltre è possibile acquistare anche cristalli voluminosi di varie dimensioni come quelli energizzanti o quelli usati per le grotte. Sono altamente disponibili anche sali himalayani per trattamenti cosmetici e di benessere.
Fate attenzione anche a scegliere aziende etiche, che dicano no allo sfruttamento dei lavoratori e dei minori.